Opere in legno
di

LUCIANO BANDIERI
FRANCO FERRARI
AGNESE GUIDOTTI
MARIO POLETTI

Dal 18 Marzo al 2 Aprile
2017
Inaugurazione Sabato 18 Marzo 2017 alle ore 16


"Madame " Fotografie di Antonella Monzoni





Antonella Monzoni vive a Modena. Pratica una fotografia di reportage profondamente umanista, concentrata sulla assimilazione culturale del ricordo, sui simboli e sui luoghi della memoria come tracce di appartenenza, come Madame (Premio Mario Giacomelli 2007 e Selezione PhotoEspana-Descubrimientos 2008), Somewhere in Russia (Premio Chatwin per la fotografia 2007), Silent Beauty (Menzione d’onore International Photography Awards 2008).
Nel 2009 con il reportage Ferita Armena riceve la Menzione Speciale Amnesty International del Festival dei Diritti, è finalista al Premio Amilcare Ponchielli ed è selezionata al Visa pour l’Image di Perpignan. Sempre nel 2009 vince il Best Photographer Award al Photovernissage di San Pietroburgo e nel 2010 è Autore dell’Anno FIAF.
Nel 2011 è tra i finalisti di ArtèFoto International Festival of Photojournalism.
Nel 2012 ha ricevuto il primo premio VIPA, Vienna International Photo Awards.
I suoi libri: ”Benedic Anima Mea”, indagine sulle liturgie dei frati dell’Abbazia di Sant’Antimo (Siena), 2004; “Lalibela”, reportage delle cerimonie notturne ortodosse dalla capitale religiosa dell’Etiopia, 2005; “Il delicato sentimento del vedere”, monografia FIAF 2010 e nel 2011 pubblica “Madame” che riceve una menzione speciale dalla giuria del Premio Bastianelli 2012.
Ha esposto in mostre personali e collettive in Italia e all’estero.
Opere di Antonella Monzoni fanno parte della Collezione fotografica della Galleria Civica di Modena.




 "Madame"
di
Antonella Monzoni
                                       
Madame era Henriette Niepce, prima moglie del regista Gillo Pontecorvo e sorella della famosa Janine, una delle prime donne photoreporter, scomparsa nel 2007, ed era pronipote di Nicephore Niepce, riconosciuto inventore della fotografia.Concedeva pochissime visite, soffriva di cuore e faticava a camminare. Da oltre cinquanta anni viveva sola, per scelta, nella vecchia casa di famiglia in Borgogna, circondata da vigneti, dove il tempo si era fermato. Non usciva mai, dalle finestre entrava poca luce e le stanze buie erano illuminate da lampade. Non voleva nessuno in casa, nemmeno una femme de ménage.Era bellissima, lo dimostrano i ritratti della sorella pubblicati nei suoi libri fotografici. Fu una grande pasionaria a fianco del marito Pontecorvo, con il quale ha partecipato alla resistenza antifascista a Milano.



Blog Archive

  © Blogger templates The Professional Template by Ourblogtemplates.com 2008

Back to TOP