Opere in legno
di

LUCIANO BANDIERI
FRANCO FERRARI
AGNESE GUIDOTTI
MARIO POLETTI

Dal 18 Marzo al 2 Aprile
2017
Inaugurazione Sabato 18 Marzo 2017 alle ore 16


Giovani Torri sotto "I Portici"

Natale con le opere dei ragazzi del Centro "I Portici" e il Gruppo Giovani "Amici dell'Arte che illustrano la fiaba di Luciano Malmusi "La Torre delle Donne".


La Torre delle Donne, prima di una serie di tre fiabe sulle torri del castello di Vignola, è stata scritta da Luciano Malmusi e illustrata dal "Gruppo Giovani" dell'Associazione "Amici dell'Arte" di Vignola. Si rivolge a bambini fino a 8 anni di età.

Luciano Malmusi ha scritto libri di successo, pubblicati anche all'estero (la serie di Neandertal Boy, Triceratopino nella valle dei dinosauri, Il vampiro che mordeva i Krapfen....). Molti ricordano anche "La chiocciola di messer Jacopo", pubblicata dal Gruppo "Amici dell'Arte" nel 2007 in occasione dell'Anno Barozziano.

Alice Beccati, Jenny Bussoli, Alice Galli, Elena Schirinzi, Claudio Vecchi e Simone Miani sono i giovani del Gruppo "Amici dell'Arte" che hanno accettato con entusiasmo di illustrare la fiaba confrontandosi con tecniche nuove e imponendosi per la qualità e l'originalità delle opere realizzate.

Il Centro socio riabilitativo diurno per disabili "I Portici", servizio dell'Azienda Pubblica di servizi alla persona ASP "G.Gasparini" di Vignola, è aperto dall'anno 1988. Il Centro è frequentato da ragazzi disabili, fascia d'età compresa tra l'uscita dalla scuola dell'obbligo e i 30/35 anni.
Prevede interventi assistenziali di cura alla persona, funzionali al mantenimento del massimo benessere psicofisico e interventi educativo-riabilitativi protetti di Falegnameria e Pittura-Cuoio-Cucina-Riciclo carta bomboniere e Serra (presso Istituto Agrario di Vignola). Un "fare concreto" che favorisce la partecipazione di ogni ragazzo in base alle proprie capacità e potenzialità. I prodotti e i manufatti realizzati nei laboratori vengono commercializzati nei mercati di Vignola e Spilamberto, nelle feste paesane e presso il laboratorio occupazionale/negozio "Caspita". Il ricavato viene utilizzato per la corresponsione ai ragazzi dell'incentivo di attività ("paghetta"), per l'acquisto di materiale e strumenti per i laboratori e per attività ludico-ricreative (gite e uscite).

Blog Archive

  © Blogger templates The Professional Template by Ourblogtemplates.com 2008

Back to TOP